101-0166_IMG
126-2665_IMG
c12
101-0104_IMG
127-2780_IMG
128-2849_IMG
image001

Home

Chi siamo

Prodotti

Curiosità

Dove siamo

Extradimensionismo

Gioielli

Preziosi

Coccole

Corallo

Le superstizioni associate al corallo sono molte e variate. Per i popoli antichi era importante non solo dal punto di vista della bellezza, ma era  anche ampiamente usato per scopi terapeutici. Macinato in polvere fine e mescolato ad acqua o vino, si diceva che curasse un ampio assortimento di malattie. Inoltre si credeva che avesse il potere di difendere dal male, conferire saggezza, fermare il flusso del sangue ed allontanare la febbre.
Tra i Romani, rami di corallo venivano appesi al collo dei bambini per proteggerli dal pericolo. Una credenza della potenza del corallo come amuleto continuò ad essere mantenuta durante tutto il periodo medioevale, e persino in questo secolo, in Italia è stato portato come protettore del “malocchio”, e dalle donne come cura contro la sterilità. Benché Plinio metta in risalto con disprezzo la maggior parte delle esagerazioni degli stregoni dei suoi tempi riguardo gli amuleti ricavati da materiali da gemma, egli riferisce le loro affermazioni, secondo le quali il corallo tranquillizza le onde del mare e lo rende calmo. Inoltre, egli racconta come essi affermassero che riparava dai lampi e dai terribili uragani chi lo indossava.
Durante il culmine della civiltà romana, era un fatto accettato che un collare per cane con corallo e pietra focaia agisse come rimedio positivo contro l’idrofobia. Ancora un’altra credenza riguardava la preparazione e l’uso di una “tintura di corallo”. Dopo un lungo e tedioso processo di riscaldamento di un ramo di corallo in cera fusa  l’immersione del prodotto risultante in alcool, si otteneva alla fine un liquido rosso. Non solo si diceva che fosse un tonico eccellente, ma, causando traspirazione e un’azione diuretica, si supponeva che avesse il potere di allontanare dal corpo “umori cattivi”.
Tra le credenze più diffuse dei primi secoli, vi era la teoria secondo la quale il corallo rosso cambiasse tinta secondo le condizioni di salute di chi lo indossava.
Il corallo è una delle pietre preziose più popolari tra gli abitanti del Tibet. A parte il valore estetico, ha un profondo significato religioso in quanto il rosso è il simbolo di una delle incarnazioni di Buddha. Durante una visita nel Tibet nel XIII sec., Marco Polo, l’esploratore italiano, notò l’uso predominante del corallo sia come ornamento personale che per quello degli idoli nei templi.
Il corallo è un prodotto dei mari caldi e viene trovato in tutto il mondo in acque tropicali e subtropicali. Per tradizione la fonte più importante di materiale bello è il mar Mediterraneo. Nelle aree lungo le coste della Tunisia, Algeria, Marocco, Sardegna e di gran parte dell’Italia vengono pescate le qualità più attraenti. Viene trovato anche al largo delle coste della Corsica, Catalogna e Provenza. Altre fonti sono le acque  costiere dell’Irlanda e del Giappone. Benché sia stato trovato a profondità di 300 m., di solito il corallo cresce in acque poco profonde, vale a dire dai 3 m. ai 15 m.  Il colore sembra schiarire in generale, con la profondità, in tutte le specie d’acqua bassa dell’Atlantico e dell’Oriente, ma gli esemplari d’acqua fonda delle coste giapponesi sembrano di colore più scuro.


Aldighieri Gioielli - Corso Fogazzaro, 212 - 36100 Vicenza - tel. 0444 546193 - e-mail: aldighierigioielli@virgilio.it - P.IVA 01856310246